Breve dialogo sulla felicità

Breve dialogo sulla felicità_Frank IodiceRingrazio José Pepe Mujica, il quale mi ha dato il permesso di utilizzare alcuni estratti dei suoi discorsi pubblici, liberamente tradotti dallo spagnolo, nonché della chiacchierata informale che abbiamo tenuto, con lo scopo di diffonderli nelle scuole europee, tra i nostri giovani pensatori, affinché comprendano l’importanza di essere liberi e un domani diventino cittadini o politici migliori di noi.

Per quel che riguarda gli adulti, mi appello all’antica regola che esiste fin da quando esistono i libri, vale a dire, ogni pagina può avere molteplici significati. Qualunque lettore, qualunque critico, può interpretarli come gli pare perché in fin dei conti, sia in letteratura che nella vita, solo chi vuole capire capirà.
Mi è costato molto contenere le tante storie che mi si presentavano davanti via via che proseguivo con la narrazione fedele di questo dialogo, per metà reale e per metà immaginario, come mi ero riproposto prima di partire, e, a causa della malattia di cui soffro, una grave forma di testardaggine che mi obbliga a portare sempre a termine quello che ho incominciato, non ho potuto seguire altre strade.
Ringrazio anche il coraggioso Cosimo Lupo, appassionato inseguitore di sogni, e la filosofa Ada Fiore.

F. I., maggio 2014

[Dall’introduzione del Breve dialogo sulla felicità, distribuito gratuitamente nelle scuole]

[Leggi tutte le mie note di viaggio dall’Uruguay, pubblicate sul blog della Lupo Editore]