Autoscatti

Riguardo a tutta questa storia di farsi le fotografie da soli, che di norma è una delle più affascinanti espressioni dell’arte fotografica e pittorica, ma che, poi, è anche diventata la migliore espressione della solitudine indotta dall’abuso dei social network, c’è qualcosa che proprio non capisco: che siano i bambini o i ragazzi a farlo, è normale, mi dico, se non viene mostrato loro di meglio, e, per la stessa ragione, non è poi così grave che lo facciano anche gli adulti, ma c’è una cosa che davvero mi risulta difficile capire, ovvero quegli adulti che si fanno fotografare dai propri bambini, scatto dopo scatto dopo scatto, per trovare il loro profilo migliore, davanti al Negresco o alle auto di lusso parcheggiate all’ingresso del Casinò. Ecco, proprio perché ci sono scene come questa, che non riesco a capire, io quella zona la evito sempre.