La mia amica Barbie e il suo problemino con la lettura

Ciao Barbie, come va? Malissimo, non mi compra più nessuno. E perché? Perché sono vecchia, sono piena di rughe, ecco! Ma che dici Barbie?, tu non sei vecchia, sei solo un po’ attempata, dovresti mantenerti più in forma. Ed è quello che faccio, ogni mattina vado a correre sul tapis roulant e non mi mangio schifezze da cinquant’anni!, tranne Barbie Barbecue, lei si abbuffa, glielo abbiamo detto tutte di smetterla. Si dice mangio, Barbie, senza mi…

Barbie e Frank IodiceOk Frank, grazie per la correzzione. Correzione, due erre e una zeta… comunque io parlavo di un altro tipo di esercizio… Oh, ma anche quello, cerco di farlo il più spesso possibile, me lo ha detto anche Ken, che il suo medico gli ha detto che fa bene alla salute. No!, no Barbie, che hai capito?, un’altro esercizio, per la mente, leggere, ecco, io intendevo dire che dovresti allenare la tua immaginazione leggendo almeno un libro la settimana. Come faccio?, non ho il tempo. Va bene, allora uno al mese. E che tipo di libro dovrei leggere per dimagrire e mandare via le rughe?, per esempio “Come dimagrire e mandare via le rughe” di quello lì della televisione, quello famoso, come si chiama? Macché!, inizia con i classici, “Frankenstein”, “Guerra e pace”, anzi, leggi “Il richiamo della foresta”, ecco, inizia dai libri di Jack London, che era uno con le palle, altro che televisione, quelli sì che sono romanzi per diventare un vero uomo. Ma io non voglio diventare un vero uomo, io sono una ragazza. Fa lo stesso, parlavo di uomo come essere umano. Allora dici donna. Si dice uomo per convenzione. A me non piace questa conversione, è maschilista. Può essere, o può essere che sia solo un fatto linguistico, ora non ne facciamo una questione di Stato! E questo Jack London, dove vive? Lui è morto Barbie, ha vissuto cento anni fa in diversi posti in giro per il mondo, così intensamente che a un certo punto non aveva più nulla da vivere né da scrivere. Lui sì che era un vero uomo… forse dovrei farlo leggere a Ken questo “Mi chiamo della Foresta”. Lascia perdere Barbie, inizia da qualcosa di più facile. Per esempio? Non lo so, inizia dai miei. I tuoi?, ma perché tu scrivi romanzi Frank? Certo, perché fai quella faccia?, non ci credi? Non lo so, secondo me ti sei inventato tutto solo per portarmi a letto. Che dici?!, io ce l’ho già una ragazza, ed è anche più bella di te, senza offesa. Contento tu… secondo me volevi portarmi a letto. Ma che cosa avete voialtre nella testa?, perché siete sempre convinte che tutti vogliano… Oh, ecco Ken, chiediamolo a lui cosa ne pensa della lettura? Ciao Frank. Ciao Ken, come va?, stavamo parlando di libri, di letteratura, insomma. Lerrera che? Andiamo bene… Barbie, poi glielo spieghi tu, ok? Ok, non ti preoccupare Frank, prometto che poi lo leggessimo il tuo libro!, se ce ne regaleresti una copia. Lascia stare Barbie, non fa niente, fa’ come se non ci fossimo mai visti.