Per Matilda

Dal treno vedo gli alberi di nespole

e le abazie, le pareti lisce sui bassifondi

rotondi serpenti di marciapiede,

si vede dai finestrini

che l’uomo non ha ancora vinto,

il dipinto perfetto della natura

è ancora lì

ed è così che capisci con la tua testa

questa meravigliosa avventura

che è la vita

una squisita lasagna con le polpette

i sette nani da un giardino che

sentono il profumo

il fumo dei camini che esistono ancora

la gente che prega per non lavorare

e il mare, nell’altro finestrino

il bambino e la sua corsa sulla spiaggia

mentre mangia il panino della nonna e

ritorna a riva solo se ha finito;

è un dito quello che ti serve, per indicare

per amare tutto questo,

è ancora presto, non temere che il ricordo

del mondo e dell’amore si perda mentre lo cerchi,

cerchi di fumo sulla tua testa

portano in cielo le tue paure

le oscure nuvole dei malvagi svaniranno

come le macchie di arancio sulla carta

e una matta idea di restare gentile

in un sistema di odio e di cuccagna

farà di te un eroe, figlia mia adorata,

un tuo sorriso, un po’ di quella lasagna

e sarà una bellissima giornata.

 

Commenta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...